Chi Siamo/Cosa Facciamo

Il Centro Internazionale La Cometa è stata fondato nel 1997 da Nikolaj Karpov (Gitis di Mosca), Alan Woodhouse (Guildhall di Londra), Giovanni Lombardo Radice, Lilli Cecere, e che assieme a Valeria Benedetti Michelangeli, Gianfranco Isernia (CSC di Roma), e Giovanni Lombardo Radice, hanno costituito il primo nucleo didattico-organizzativo.

Il progetto pedagogico e culturale del CIC nasce intorno al desiderio di cercare le radici di una pedagogia europea e da una riflessione avviata insieme ai maestri Nikolaj Karpov e Alan Woodhouse. Quattro anni dopo sarebbe nata l’Europa dell’Euro.

A partire dalla frequentazione di un luogo esclusivo e innovativo per l’epoca, la Scuola Europea Estiva per l’Arte dell’Attore, promossa dall’Accademia d’Arte Drammatica Silvio d’Amico e dal Teatro Verdi di Pisa, si è venuto definendo il sogno di fondare la scuola che avremmmo voluto frequentare quando eravamo allievi delle scuole nazionali.

Una scuola non solo di professionisti dello spettacolo prestati alla formazione, ma anche di professionisti della formazione, maestri, pedagoghi, secondo l’accezione russa del termine.

Di qui il nostro intenso rapporto di scambio con pedagoghi europei: Peter Clough, Alan Woodhouse, della Guildhall School, Shona Morris, del Rose Bruford College, Nikolaj Karpov, Natalia Zvereva, Irina Promptova del Gitis di Mosca, Giles Smith, Filippe Lefebvre, proveniente dalla scuola di Marcel Marceau

E ancora: la partecipazione al Metodi festival, promosso dall’associazione Artimbanco.

E il partenariato con l’Aidas di Parigi/Versailles

Nagli anni si è andata formando una squadra molto affiatata di docenti italiani, che sono cresciuti insieme nello scambio di idee, esperienze e progetti. L’esperienza dei pedagoghi stranieri ha ceduto il passo al lavoro di giovani registi di talento: Pierpaolo Sepe, Lisa Ferlazzo Natoli, Flavio Albanese, Fabrizio Arcuri, Giles Smith, Andrea Baracco, Fabiana Iacozzilli. La scuola si è avvicinata alla nuova drammaturgia italiana, seguendola da vicino e consentendo agli allievi di fare esperienze significative.

Oggi la scuola riconosce la centralità dell’attore nel processo ideativo – produttivo. Molti progetti di teatro odierni partono dall’attore che si unisce ad altri attori e da vita ad una iniziativa culturale. Le competenze dunque si sono andate allargando nel tempo: competenze anche di scrittura, di utilizzo delle nuove tecnologie delle immagini e del suono, di sfruttamento dei social ai fini di promozione, ma anche di racconto. Il teatro si declina e si coniuga su piani diversi. La scuola dunque si pone l’obiettivo di fornire tutti gli strumenti necessari, fermo restando il nucleo orignario del lavoro. Un drammaturgo, un regista, un attore.

La nostra scuola si distingue infine per:

L’Attenzione nei confronti degli allievi. Il rapporto docenti allievi è equilibrato. Le classi non sono numerose. Gli allievi sono seguiti singolarmente con grande attenzione. La scuola è sempre aperta e vi si può studiare anche durante i week end.

La presenza di una comunità: far parte della Scuola della Cometa significa entrare far parte di comunità più vasta, fatta di allievi diplomati e di compagnie fondate da allievi diplomati e aperte ai nuovi. La scuola favorisce questo clima, mettendo a disposizione sale, consulenza pedagogica, cercando di aiutare i neodiplomati a muovere i primi passi, anche con iniziative dirette.

Il contatto con registi e autori:  Il terzo anno è dedicato alla realizzazione di spettacoli di diploma e di cortometraggi, nell’ambito dello specifico progetto di recitazione cinematografica, che prende le mosse sin dal secondo anno.

La Cometa è un mondo. Scoprilo.


Scuola di Teatro Roma | Come Iscriversi